Avete domande?
Siamo a vostra disposizione

Customer Spotlight: GeoMark Research

GeoMark Research ha investito nella tecnologia Elementar IRMS per supportare i suoi servizi e ricerca nel settore petrolifero

Il dottor Craig Barrie è il direttore della geochimica dei giacimenti presso GeoMark Research, un laboratorio geochimico di Houston, in Texas, specializzato in applicazioni e analisi del petrolio. Il suo lavoro ruota attorno alle applicazioni CSIA (analisi isotopica specifica del composto) e bulk EA-IRMS (analisi elementare e spettrometria di massa del rapporto isotopico) nella scienza del petrolio e del gas.

 Il Dr. Barrie è stato assunto per la prima volta da GeoMark per stabilire metodi e protocolli standard per l'analisi dei campioni CSIA ed EA-IRMS e per cercare nuove strade per l'applicazione di questi dati, in particolare in termini di composti di idrocarburi leggeri (LHC) nelle misurazioni CSIA. Avendo stabilito questi flussi di lavoro, è responsabile di aiutare i clienti a comprendere e interpretare i loro dati, sia all'interno dei loro set di campioni che nel contesto dei sistemi petroliferi nel loro insieme, supervisionando allo stesso tempo il funzionamento del laboratorio di isotopi petroliferi e dei programmi di ricerca sugli isotopi.

Attraverso i suoi vari studi, lavori di ricerca e gruppi di sviluppo di metodi, GeoMark Research lavora costantemente per innovare le sue capacità, offrendo anche metodi collaudati che forniscono risultati comprovati. Il laboratorio di isotopi del gas di GeoMark a Lafayette ha ospitato per molti anni quattro strumenti di generazione Isoprime e Isoprime 100 per l'analisi degli isotopi di carbonio e idrogeno, motivo per cui l'azienda ha scelto di lavorare di nuovo con Elementar per ampliare le capacità del suo laboratorio petrolifero.

GeoMark ha selezionato una piattaforma PetrovisION IRMS per espandersi in CSIA di oli leggeri e condensati, offrendo una migliore comprensione delle differenze e delle relazioni tra le fonti. Al front-end è stato aggiunto anche un analizzatore elementare, poiché il flusso di lavoro standard per la caratterizzazione geochimica dei campioni di olio include la firma dell'isotopo di carbonio delle frazioni saturate e aromatiche.

(copy 8)

Geomark Research isotope lab

(copy 9)

Il laboratorio degli isotopi petroliferi esegue circa 4.000 analisi di estratti di petrolio e idrocarburi ogni anno, il che, insieme agli altri componenti del loro lavoro di analisi dell'olio standard, consente al team del Dr. Barrie di comprendere correttamente le variazioni nella fonte, nella storia e nella maturità degli oli da bacini specifici. Pertanto, avevano bisogno di una soluzione che consentisse loro di eseguire quei campioni in modo rapido, efficace e con l'elevata precisione necessaria per fornire ai clienti le soluzioni ai loro problemi.

PetrovisION di Elementar è stato in grado di raggiungere questo obiettivo attraverso una combinazione della sua interfaccia user-friendly e della sua strumentazione intuitiva, oltre al valore aggiunto di poter eseguire isotopi di zolfo sull'intero olio attraverso l'analizzatore elementare. Quest'ultimo è relativamente raro e si ottiene attraverso l'uso della tecnologia a flusso continuo, che elimina i lunghi requisiti di altre tecniche.

Da quando ha investito in questa nuova tecnologia Elementar, GeoMark è stato in grado di fornire nuove informazioni sul funzionamento di sistemi e bacini petroliferi, con i risultati degli isotopi di carbonio degli oli e degli estratti di molti di questi sistemi che si sono rivelati preziosi per la diagnostica di specifiche fonti di petrolio e di miscelazione relazioni. Questo, ad esempio, ha aiutato il team a distinguere tra le varie fonti degli oli Bakken del Williston Basin che abbracciano gli Stati Uniti e il Canada, gli oli di Caney shale dell'Anadarko Basin e gli oli di Second White Speck del Bacino sedimentario del Canada occidentale.

Il dottor Barrie ha affermato che il laboratorio vede anche future opportunità di espansione dell'IRMS, con gli isotopi dell'acqua (O e H) come una strada. Queste analisi aiuterebbero la valutazione delle acque prodotte e come tali firme possono collegarsi alla connettività delle unità di produzione nel tempo, una considerazione importante nei sistemi petroliferi non convenzionali.

Commentando le esperienze del laboratorio dall'acquisto del suo nuovissimo sistema Elementar, il Dr. Barrie ha dichiarato:

GeoMark utilizza gli strumenti Elementar IRMS da diversi decenni, quindi aveva senso che l'azienda continuasse questa relazione quando abbiamo deciso di acquistare nuove apparecchiature IRMS per espandere le nostre capacità in campioni di olio.

La trappola nell'analizzatore elementare è estremamente vantaggiosa, consentendoci di analizzare la firma dell'isotopo di zolfo degli oli, dato che in molti campioni questo contenuto è inferiore allo 0,5%. Ciò, in combinazione con la possibilità di modificare le quantità di diluizione e impostare l'ottimizzazione per flussi di lavoro specifici, ci consente di massimizzare molto facilmente la gamma di materiali campione che possiamo considerare come standard.

Avete domande?
Siamo a vostra disposizione